Tradizioni di origine Bizantina in Calabria
  Tradizioni Religiose
La maggio parte delle tradizioni Bizantine in Calabria, sono legate al mondo religioso. Nella regione, gli itinerari religiosi tra Arte e Spiritualità sono innumerevoli. Si tratta di un patrimonio d’inestimabile valore che va dall’arte bizantina e per storia, a quella medievale, barocca e neoclassica che si tramanda nel tempo. La storia della regione è contrassegnata da diverse civiltà e culture, dovute alle molte dominazioni, che hanno lasciato un patrimonio a volte sconosciuto e a volte abbandonato, ma che merita di essere scoperto e valorizzato, quella bizantina è stata per la nostra "Isola" intensa e... Ogni luogo è strettamente legato alla religione e alla devozione popolare. . .. Questa terra è un luogo di etnie diverse dove i miti e le leggende s’intrecciano. Le liturgie bizantine e i loro tradizionali canti. la tradizione popolare nei riti della S. Pasqua sono celebrate in rito bizantino in Stilo e Bivongi. Tra l’allegria generale si danza la tipica tarantella.

Tradizioni Gastronomiche
Si deve ai Bizantini l'utilizzazione gastronomica della carne di capra, e la valorizzazione del pesce salato con l'odierno pesce stocco. Anche l'uso di cucinare il soffritto (le interiora degli animali soffritti con abbondanti aromi), potrebbe essere derivato da antiche usanze propiziatorie bizantine. A proposito di cibo nella prima fase degli insediamenti monastici, oltre che da miele, capperi e legumi selvatici, fu costituito da tutto ciò che le pendici del monte producevano: radici, piante ed erbe molte delle quali furono salutari e persino oggetto di studio da parte del Campanella che se ne occupò nel "Medicinalium". Una leggenda stilese in proposito attribuisce ad una di teli erbe prodigiose la sapienza del filosofo: l'aveva mangiata da bambino quando accudiva il gregge paterno.

Produzione artistica
La produzione artistica calabrese e della Vallata dello Stilaro - Allaro, consistente con l'avvento dei greci di kaulon, l'attuale monasterace, quindi della conseguente arte ellenistica, assume nel corso dei secoli forti connotazioni medio-orientali e micro-asiatiche dovute alla persistenza del dominio bizantino in tutta la regione. Anche il fenomeno del Monachesimo, tra il VI e X secolo d.C. che sceglie le alture della Calabria come meta privilegiata per fondare ordini monastici e sfuggire alle persecuzioni iconoclastiche avviate a Bizansio, apporta una ricca tradizione culturale di stampo orientale.

L’ Associazione Aical e la Terra di Calabria.
Ha sede in Monasterace, la parte più ad est della nostra Isola Bizantina la Associazione Aical. La Associazione è nata a tutela delle tradizioni tipiche della Calabria, ha collaborato nella realizzazione dei questo sito.

info 334.8002030