HOME

British|Deutsch|Espanõl

Contatto immediato 334.8002030

Belvedere di Spinello  Caccuri  Carfizzi  Casabona  Castelsilano  Cerenzia  Cirò  Cirò Marina  Cotronei  Crotone  Crucoli  Cutro  Isola di Capo Rizzuto  Melissa  Mesoraca  Pallagorio  Petilia Policastro  Rocca di Neto  Roccabernarda  San Mauro Marchesato  San Nicola dell'Alto  Santa Severina  Savelli  Scandale  Strongoli  Umbriatico  Verzino

Istituto di ricerca della qualità

colesterolo cura naturale

 

CARFIZZI

Municipio: 0962.87041

Carfizzi è un piccolo paese dell'entroterra crotonese a 20 km dalla costa jonica, Cirò Marina e a 50 km dall'altopiano della Sila. E' posizionato su una splendida collina a 450m. s.l.m e gode di un'ottima veduta panoramica. E' un paese di origine albanese, e conserva ancora molto bene lingua e tradizioni, conta una popolazione di circa 1500 abitanti molti dei quali sono emigrati all'estero e nell'Italia settentrionale. Carfizzi è poco noto ai più ma chi lo ha già visitato né conserva un piacevole ricordo sia per la squisita ospitalità che per naturali bellezze che la caratterizzano. Chiunque abbia visitato Carfizzi ricorda con piacere le passeggiate per le vie e i vicoli del paese. All'interno del Centro storico ci sono il Centro di Integrazione Sociale ricavato dalle rovine di un antico palazzotto nobiliare e una palestra completa di campo di pallacanestro e pallavolo. Il territorio si estende tra quelli dei comuni di Cirò, Melissa, Pallagorio, S. Nicola dell'Alto, Umbriatico, sulla fascia collinare presilana a Nord del Marchesato di Crotone. L'abitato è sulla cima di un poggio, isolato da profondi solchi di due torrenti affluenti del fiume Lipuda, nella bassa Valle del Neto. Dopo il 1468 numerosi gruppi di albanesi, per sfuggire ai turchi, si rifugiarono nei territori di Irene, principessa di Bisignano e figlia del defunto re albanese Scanderberg. I rifugiati, in massima parte, si stabilirono sulla dorsale appenninica cosentina, altri invece preferirono avvicinarsi un pò più al mare, dal quale un tempo si traeva ricchezza. Si vuole che gli abitanti dell'antica Crisma, saliti sulle montagne per mettersi al riparo dagli attacchi saraceni, abbiano dato origine a tre villaggi: Carfidi, Trivio e Santa Venera, dai quali, intorno al 1530, prese vita Carfizzi (così detto, probabilmente, da Carfidi che assorbì gli altri due villaggi. Fino al 1563 rimase infeudato alla famiglia Morano, già titolare del feudo di Santa Venera. Alienato ai Badolato (1563-1576) fu rivendicato dai Morano, estinti nel 1630 in casa Sersale. Passato per vendita ai De Filippis (1648), poi ai Pisciotta (1687), fu dei Moccia, che nel 1698 acquistarono il titolo di Duca, estinti nel 1732 nella famiglia Crispano. Nel 1767 questi lo vendevano ai Malena i quali così acquistarono il titolo di Marchese, e rimasero fino all'eversione della feudalità (1806). Nel 1807 fu assoggettato al Governo di Strongoli, e nel 1811 passò frazione di S. Nicola dell'Alto. Nel 1816 dalla provincia di Cosenza passò a quella di Catanzaro, per volere dei Borboni. Ai fatti del Risorgimento Carfizzi fu presente con la partecipazione di Giuseppe Basta, Francesco e Martino Fazio. Dal 1904 il centro venne distaccato da

S. Nicola dell'Alto e costituito in comune autonomo.

 

Prodotti tipici alimentari: Vino rosso, olio di oliva, formaggi (ricotta, pecorino, cacio cavallo). Piatto tipico «furisiscka'», (minestra di zucchine e fiori di zucca condita con olio di oliva crudo, da accompagnare con bruschette di pane caldo da inzuppare).

 

Prodotti tipici artigianali: tessuti fatti a mano; pizzi e merletti. Ormai in disuso la il vestito di origine albanese che un tempo indossavano le donne nei giorni di festa, ricco di lavori e ricami fatti a mano. In alcune famiglie resta ancora la tradizione del lavoro con il telaio a mano (scialli, sciarpe, coperte di lino e lana, con disegni ispirati a motivi bizantini, continuando una tradizione secolare. Per acquistare questi prodotti non ci sono rivendite, ma si trovano privati disposti al commercio al minuto di manufatti tipici.

 

Varie: Parlata correntemente è la lingua albanese antica, che da qualche tempo si va italianizzando, ma che conserva ancora le sue radici etimologiche fondamentali. L'albanese è, in massima parte, solo parlato e non scritto, quindi tramandato in modo esclusivamente orale: è questo il motivo per cui questo idioma è continuamente minacciato di estinzione. Brano tratto da http://www.celeste.it/carfizzi/

Da vedere: Vicoli e chiese cittadine.

Eventi: Fiere e feste religiose in estate. Agosto, festa del ritorno.

Organizzazioni:  Ass. Skanderberg".

programma di sviluppo | copyright | contatti | posizionamento | grafica | siti partners | società partners
qui & li | resta & vivi | città e località | idea vacanze
Realizzazione e posizionamento nei motori di ricerca a cura di Asmedia.