HOME

British|Deutsch|Espanõl

Contatto immediato 334.8002030

Belvedere di Spinello  Caccuri  Carfizzi  Casabona  Castelsilano  Cerenzia  Cirò  Cirò Marina  Cotronei  Crotone  Crucoli  Cutro  Isola di Capo Rizzuto  Melissa  Mesoraca  Pallagorio  Petilia Policastro  Rocca di Neto  Roccabernarda  San Mauro Marchesato  San Nicola dell'Alto  Santa Severina  Savelli  Scandale  Strongoli  Umbriatico  Verzino

Istituto di ricerca della qualità

colesterolo cura naturale

 

CASABONA

Municipio: 0962.82422

La storia "moderna" parte dal XIII secolo quando venne infeudata ai Sangiorgio. Casabona, già Casinova, Terra Casiboni, Casalbuono, toponimi tutti derivati dal latino Casabundia, "prossima a cadere". Infatti, Casabona, fu distrutta dal terremoto del 1638 e dal terremoto del 1783. Rimase in piedi solo il Convento di San Bernardino, intorno al quale si raccolse una parte della popolazione (cento fuochi) mentre altre famiglie si erano trasferite a Belvedere Malapezza (Belvedere), a Monte Spinello (Spinello) ed a Rocca di Neto. Coloro che restarono nel vecchio abitato dettero vita a "Casabona il vecchio"; queste famiglie, in seguito, abbandonarono definitivamente il sito, per trasferirsi nel nuovo insediamento che finì col chiamarsi "Casabona il nuovo".
La storia antica parte da Strabone secondo cui potrebbe essere l'antica Chone, o Chene, o ancora Coone, ma è certo che abbia avuto origini molto remote come attestano i reperti di cui è disseminato il territorio. Una leggenda la vuole fondata da Filottete, fu certamente anche popolata dai soldati albanesi di Reres dopo il 1446, ed in particolare la frazione Zinga, limitrofa a Pallagorio. Durante il periodo francese fu prima legata a Cirò e poi a Strongoli; nel 1807 ebbe l'autonomia comunale.
L'abitato attuale é stato ricostruito su una zona più sicura lungi dai continui calanchi e frane. E' posto su una collina di tufo marino alla sinistra del torrente Vitravo (Neto) ed il suo territorio si estende lungo appunto le valli del Vitravo e dello stesso Neto. Nel territorio debellata la malaria, favorito dalla Riforma Agraria, dalla irrigazione della Sinistra del Neto e dall'acquedotto del Lese, la struttura è prevalentemente agricola, con adeguata produzione di olio, vino, cereali, favette, agrumi, ortagi. Intenso l'allevamento del bestiame.
L'intera valle del Neto è zona ricca di emergenze archeologiche. Più abbondanti, come di consueto, le tracce archeologiche per il periodo del IV° e III° sec. sia lungo il Neto, sia nelle valli minori.
 

Da vedere:

Eventi: Festa di San Nicola, fiere e feste religiose in estate.

Organizzazioni:  Ass. 26 ottobre 1986, Ass. Cine Axa,  Arci.

programma di sviluppo | copyright | contatti | posizionamento | grafica | siti partners | società partners
qui & li | resta & vivi | città e località | idea vacanze
Realizzazione e posizionamento nei motori di ricerca a cura di Asmedia.