Marchio di qualità pane artigiano fresco.

La flora e la fauna in Calabria
Il portale della Calabria LA FLORA E LA FAUNA IN CALABRIA
P: ASMEDIA 2000-2009
Canali principali
 Home
 Località di Calabria
Magna Grecia
Luoghi e tradizioni
Servizi al cittadino
 Chat
Bellezze da scoprire
Informazioni
Criseos, trova
Tuttifrutti
Chi siamo
Tipico
 Turismo
 Mare
 Montagna
 Folklore
 Archeologia
 Città d'arte
Province calabresi
 Artigianato e prodotti
 Usi e costumi
 Gente di Calabria Pro Loco
 Cucina
 Flora e fauna
 Parchi
Servizi on line
Meteo
Ferrovie
 SMS
 Cognomi
 Partners
Il gruppo su internet

ASMEDIA

Luoghi: la singolare straordinarietà della montagna calabrese. Il Pollino, la catena costiera, la Sila, le Serre, L'Aspromonte

Allocco

 

Musei naturalistici: a San Giovanni in Fiore, museo Faunistico. A Squillace, Museo Naturalistico "Libero Gatti".

 
FLORA E FAUNA CALABRESE
La cucina tipica calabrese
Flora

La Calabria, sotto questo aspetto, ha vissuto varie epoche che a secondo del clima e dell'influenza umana ha variato le sue caratteristiche. Oggi la flora è caratterizzata dal Pino laricio, varietà calabra, che svetta alla altezza di 50 metri e si trova sopratutto in Sila, la "Selva Brutia" dei latini. Le foreste fitte ed immense come in epoca romana, sono pure caratterizzate dal pino loricato, presente in poche migliaia di unità e dal Pinus nigra che ha la caretteristica di trovare il suo gemello solo nelle alture abruzzesi.   Accanto a queste rarità, al suolo, nel sottobosco, vegeta copiosa la felce aquilina, ed il principe dei funghi, il porcino (Boletus edulis). Nelle vaste alture calabre, troviamo anche querce e l'abete bianco ( Abies alba), l'agrifoglio, il ciclamino e il pungitopo dalle bacche rosse che dall'autunno persistono fino a Natale.

Pinus nigra Ciclamimo Fichidindia

Tra le rarità, sulle rupi dell'isola di Dino sul tirreno, da Marzo ad Aprile, fiorisce la Primula palinuri, chiamata così perché si credeva fosse legata alla sola area di Capo Palinuro nel salernitano. Altra rarità, nei pressi di Cinquefrondi, nel vallone scavato dal fiume Sciarapotamo, una gigantesca felce tropicale:  la Woodwardia radicans, ovvero "fossile vivente", specie già estinta, la cui origine risale al vari milioni di anni fa. Nel bosco di Rosarno, l'unica liana arborea della vegetazione italiana, la Periploca graeca, specie della macchia mediterranea orientale. In provincia di Reggio Calabria gli annone, frutto tropicale e il bergamotto (Citrus bergamia) di cui si ha quasi il monopolio, da cui con la spremitura si ottiene un olio etereo, l'essenza di bergamotto, per profumi e liquori.
In Aspromonte, prospera il garofano selvatico (Dianthus carthusianorum) detto garofano certosino, il pino marittimo, oltre alle felci ed il porcino di cui abbiamo parlato. Sulle rupi, l'odorosa Ginestra (Spartium Juncem), Araucarie ed Eucalpti. L'area più marittima, la jonica reggina in particolare, è disseminata di  palme e ficus, agavi e fichidindia, caratteristiche di un clima desertico subtropicale, che danno a questa un visione assolutamente unica per colori e profumi, oltre che di gelsomini, a cui per la assidua presenza da Kaulon a Brancaleone, la costa viene denominata "Riviera dei Gelsomini".
Fauna
In Calabria, non c'è una fauna caratteristica come la flora, ma le specie presenti non si incontrano dovunque.  Tra i volatili, rarissimo è divenuto l'avvoltoio barbuto (Gypaetus barbutus), più frequente può essere l'avvistamento del Capovaccaio (Neophron percnopterus), ed in Sila l'Aquila reale (Aqula chrysaetos). Comuni a tutte le alture calabresi, lo Sparviero (Accipiter ninus), l'Astore (Accipiter gentilis), il Nibbio reale (Milvus milvus), la Poiana (Buteo buteo) ed il Falco (Falco Tinniculus) e (Pernis apivorus). Di anno in anno sempre meno è la presenza del Lupo appenninico, e di conseguenza aumenta il numero dei cinghiali, sopratutto in Aspromonte e nelle Serre. Facile incontrare nei percorsi montani, la volpe e la martora, e meno frequentemente i daini.
Lupo appenninico  Cinghiali

I fiumi sono popolati da trote ed anguille. Nei mari, il tonno ed il pescespada, oltre che a orate, saraghi e cernie. Moltissimi sono i fondali in cui sono presenti molluschi, e nello Stretto di Messina, pesci abissali, che periodicamente risalgono in superficie.

I Parchi nazionali del: Pollino, dell'Aspromonte, della Calabria. I Laghi: Cecita, Arvo, Ampollino, del Passante, dell'Angitola.

In sintesi: la flora

Pollino: Abete bianco, Acero, Castagno, Cerro, Faggio, Leccio, Ontano nero, Peonia selvatica, Pino loricato, Pino nero, Roverella, Tiglio.

Catena costiera: Artemisia, Castagno, Cerro, Eringio, Euforbia arborea, Faggio, Finocchio, Inula, Leccio, Ontano, Orniello, Papavero giallo, Roverella, Salsola, Sughera.

Sila: Abete bianco, Abete di monte, Agrifoglio, Biancospino, Castagno, Faggio, Leccio, Nocciolo, Ontano nero, Pino laricio, Pioppo tremulo, Quercia, Rovere, Tiglio.

Serre: Abete bianco, Castagno, Faggio, Farnia, Frassino, Leccio, Nocciolo, Sughera, Viburno.

Aspromonte: Abete bianco, Acero, Faggio, Farnetto, Leccio, Oleandro, Pino laricio, Pioppo, Platano, Rovere, Sorbo, Tamerice, Umbrillicaria.

 

 

In sintesi: la fauna

Pollino: Aquila reale, Astore, Capriolo, Corvo imperiale, Coturnice, Cinghiale. Faina, Falco pellegrino, Gatto selvatico, Gufo reale, Lepre, Lontra, Lupo Appenninico, Martora, Picchio nero, Puzzola, Rosaria alpina, Tasso.

Catena costiera: Allocco, Barbagianni, Cinghiale, Civetta, Donnola, Faina, Gheppio, Lodolaio, Poiana, Raganella, Ramarro, Riccio europeo, Sparviero, Tritone.

Sila: Anguilla, Astore, Beccaccia, Capovaccaio, Capriolo, Cervo, Germano reale, Nibbio reale, Quaglia, Scoiattolo, Trota, Vipera.

Serre: Cinghiale, Ramarro, Rana agile, Salamandra, Tasso.

Aspromonte: Aquila Bonelli, Cinghiale, Coturnice, Cuculo, Gufo reale, Martora, Nibbio reale, Picchio nero, Rana italica, Rospo smeraldino, Salamandra, Tasso, Upupa.

Kaulon, non è collegata ai siti recensiti e non è responsabile del loro contenuto.
 Informazioni

ASMEDIA P Coop. arl  © 2000 - 2009