Guida turistica
Il portale della Calabria  PERSONAGGI E STORIA CALABRESE
P: ASMEDIA 2000
Canali principali
 Home
 Località di Calabria
Magna Grecia
Luoghi e tradizioni
Servizi al cittadino
 Chat
Bellezze da scoprire
Informazioni
Criseos, trova
Tuttifrutti
Chi siamo
Tipico
 Turismo
 Mare
 Montagna
 Folklore
 Archeologia
 Città d'arte
Province calabresi
 Artigianato e prodotti
 Usi e costumi
 Gente di Calabria Pro Loco
 Cucina
 Flora e fauna
 Parchi
Servizi on line
Meteo
Ferrovie
 SMS
 Cognomi
 Partners
Il gruppo su internet

ASMEDIA

 
   Contacts : Info  
   FRANCESCO COZZA
Criseos trovatutto, Servizi on line,
Personaggi
CORRADO ALVAROTOMMASO CAMPANELLA GIANNI VERSACE PITAGORA TALETE,   SAN GIOVANNI THERESTIS, FRANCESCO COZZA.

I segni visibili di una storia millenaria, un viaggio affascinante alle origini della cultura e civiltà mediterranea.

 
   Francesco Cozza

Francesco Cozza nasce a Stilo, in Calabria, nel 1605. Non si conosce la precisa data di nascita perchè i libri delle parrocchie di Stilo, anteriori al 1635, furono distrutti durante i numerosi saccheggiamenti subiti dalla stessa cittadina. In realtà agli inizi del Seicento erano anni assai turbolenti e difficili. Il "modo di vivere e di campare" della popolazione di Stilo e casali, come parla un documento dei primi anni di quel secolo, non era dei migliori. Persino l'elezione degli ufficiali soleva dar luogo a discordie, Era ancora vivo nel popolo il ricordo dei fatti legati alla cosiddetta "congiura campanelliana", si sentiva l'eco della spinta alla sollevazione mossa dal frate Campanella e dai suoi seguaci, i quali adducevano, come valido motivo, la lotta per l'indipendenza dalla Spagna. Il Mezzogiorno, e la Calabria più d'ogni altra regione, tocca l'apice della sua disgregazione sociale, economica, morale. A peggiorare ulteriormente la situazione sono le infurianti invasioni barbaresche. Altro motivo di crisi per la Calabria derivava dal tentativo di vendita delle terre demaniali, operato in tutto il regno di Napoli.
Nel territorio della Universitas di Stilo si verificava l'identica cosa.
Un luogo di grande importanza per tutto il Regno in quanto vi si trovavano le ferriere regie. Lungo il secolo XVII, peraltro, si procede su una via già segnata. Convivevano Calabria "reale" e Calabria "in idea".
Un cumulo di grandezze contraddittorie e contraddizioni grandi nel bene e nel male. La maggior parte dei calabresi restavano costretti nell'angustia degli spazi tormentati dalla inconsistenza delle vie di comunicazione e dalla primatività delle condizioni economiche e sociali, mortificati dalla lontananza dai centri della promozione civile e culturale. Altri invece facevano forza per rompere quei condizionamenti perchè sentivano il bisogno di sapere di più e così avviavano un ravvicinato confronto con altre realtà culturali. Il 20 aprile del 1622 (e se è attendibile questa data il Cozza aveva solo diciassette anni), lascia la casa del padre Giovan Antonio e sposa Francesca Faggioli, cittadina di Borgo San Sepolcro (per alcuni originaria di Viterbo), più grande di lui di più di dieci anni (era nata infatti nel 1591). A Roma Francesco Cozza è ospitato nei Convento dei Padri Minimi di San Francesco di Paola che avevano l'ufficiatura dell'annessa Chiesa di S. Andrea delle Fratte e la sua presenza è annotata sugli Stati delle anime della stessa parrocchia a partire dal 1630 e fino al 1651. Era già entrato nello studio del Domenichino e lo collaborava nelle "sue maggiori decorazioni a fresco" quando dipinse, secondo quando scritto da Lione Pascoli, le prime tre lunette "lungo il fianco della Chiesa di S. Andrea". Quella in cui visse ed operò Francesco Cozza è da considerare un'epoca assai importante per l'arte: vi si incontrano le più contrastanti tendenze, i richiami dei michelangioleschi e un'ansia di tornare al senso della natura. Il Cozza, quindi, si ritrova al centro delle tendenze in voga, le unifica, le filtra e le concreta in immagini immerse in un mondo, ora reale, altre volte di sogno. La pittura del Seicento è, per questo, costituita da una trama complessa: la pittura del Reni, vero trionfo della composizione calma, dai colori freddi; la coscenziosità del Domenichino; il sontuoso barocco del Lanfranco e del Berrettini. Il Cozza reagisce alla cultura dominante; lo fa volutamente pur sapendo di rimanere fuori dallo studio di artisti che avevano aderito al programma del nuovo ed imperante stile. Nella bottega di Domenico Zampieri concepisce, sullo stile del maestro, le sue prime opere e apprende gli stilemi tipici dell'arte del bolognese. Ne viene subito fuori una personalità originale e autoritaria e talvolta addirittura in contrasto con la pittura del Domenichino. Il periodo che coincide con la dimora di Francesco Cozza nel convento dei Minimi e nei pressi della parrocchia di S. Andrea delle Fratte registra il momento iniziale della sua cultura pittorica, fondamentalmente bolognese, e l'inizio dello svolgimento del suo stile, le cui tappe sono avvicinabili ognuna ad un pittore diverso: il Sassoferrato (opere giovanili), il Lanfranco (opere mature), il Preti (opere tarde). Dal novembre del 1630 mancava da Roma il Domenichino che avendo raggiunto il massimo pregio dell'arte nei suoi dipinti, anche secondo il concetto cioè dell'azione e degli affetti, era stato chiamato a Napoli, "per pubblico invito", a dipingere nel Duomo la Cappella del Tesoro. Nel frattempo il Cozza, rimasto a Roma, si adoperava a completare la Virtù della Temperanza lasciata incompiuta dal suo maestro in San Carlo ai Catinari. Giovanissimo entra a far parte dell' Accademia di San Luca che ormai era diventata il centro di cultura artistica per eccellenza, dove si discuteva di problemi non più soltanto pratici e professionali, ma artistici nel vero senso della parola. Per la prima volta il Cozza è documentato nel Libro della Congregazione nel 1634 e fino al 1637, anno in cui con molta probabilità si reca anche lui a Napoli, al richiamo del Domenichino. La parentesi napoletana del Cozza, sempre a fianco del Domenichino, rappresenta un momento assai importante per tutta l'arte meridionale; si scoprono autentiche affinità con altri pittori già a Napoli in quel periodo (Domenico Cerrini e Fabrizio Santafede), ma in modo particolare una palese "assonanza di sentimenti e di modi" con Pacecco De Rosa. Il 15 aprile del 1641 muore a Napoli il Domenichino, che non si era mai stancato di fare insegnamenti ai "suoi" giovani e scelti discepoli.
Francesco Cozza era rientrato a Roma, prima che morisse il suo maestro, per compiere la propria crescita artistica in senso autonomo e con la mente sempre rivolta alle indicazioni della corrente di Bologna e più genericamente emiliana. Ricomincia a lavorare per i Frati di S. Andrea delle Fratte. Nel 1642 il Cozza riprende le frequentazioni presso l'Accademia di San Luca; partecipa attivamente alla riunione del 29 settembre dello stesso anno così come alle adunanze accademiche del 23 febbraio dell'anno successivo e in quella tenutasi nel mese di agosto. Fino al 1650 è segnalato anche nelle liste più "accuratamente purgate" degli Accademici di San Luca accanto ad altri famosi artisti come il Velasquez, Salvator Rosa, Giacinto Brandi e il suo conterraneo Gregorio Preti, fratello del più famoso Mattia, assieme a cui è nominato scrutatore, nel 1650, per la nomina delle cariche accademiche. Nel 1648 il Cozza era stato già nominato Virtuoso di merito. Segno che il periodo che va dal 1641 al 1650 è da considerarsi assai "intenso e capitale per la manifestazione della pittura di Cozza" (Frangipane). Intanto, dal 1651 al 1654, il Cozza continua ad essere costantemente presente alle Congregazioni dell'Accademia di San Luca. Nell'adunanza del 28 dicembre del 1652 viene eletto Stimatore dei Pittori in quanto "tenuto abilissimo nel giudicar le mani degli autori d'un tale, o tal altro quadro" e "nella cognizione delle mani degli artefici fu tenuto spertissimo". È fautore, assieme ad altri pittori accademici, della istituzione della celebre Scuola di disegno dell'Accademia che lo impegna a portare avanti lo studio di "alcuni precetti circa la professione" e a pubblicare le sue Lezioni di Prospettiva. Nel dicembre del 1655 viene eletto alla carica di Reggente dell'Accademia e durante il suo mandato, che si protrae sino al 1657, vengono programmati importanti lavori, soprattutto da eseguirsi nella Cappella di San Giuseppe al Pantheon.
Un ruolo particolare, alla base dello sviluppo della pittura del Cozza, viene svolto a oltre metà del secolo XVII dal nipote del Pontefice Innocenzo X, Don Camillo Pamphilj. Questi, il 22 luglio del 1658, affida a Francesco Cozza l'incarico di affrescare la volta della Stanza del Fuoco del Palazzo di Valmontone. A Valmontone oltre al Preti incontra Gaspard Dughet, il pittore francese detto le Guaspre Poussin, paesaggista ed incisore in rame. Tali amicizie si riveleranno basilari per l'evoluzione ulteriore dell'arte di Francesco Cozza che si apre su spiragli diversi per affrontare tematiche più propriamente naturalistiche sviluppate con una tecnica chiaroscurale e un "fare ampio e solenne" capace di emozionare sensibilmente lo spettatore. Nel 1660 Francesco Cozza firma e data la pala raffigurante la Madonna del Riscatto dipinta per la Chiesa di Santa Francesca Romana, per molto tempo considerata l'opera sua maggiore. Il 20 maggio 1661 i Pamphilj emettono a favore di Francesco Cozza l'ultimo mandato di pagamento di venticinque scudi per i ritocchi eseguiti agli affreschi dell'Allegoria del Fuoco di Valmontone. Solo due mesi più tardi, il 15 luglio, muore la moglie Francesca Faggioli per la quale fa erigere nella chiesa di S. Agostino un monumento marmoreo con iscrizione e ritratto da lui stesso eseguito. È un'immagine che riporta le sembianze delle sue Madonne giovanili e quindi è facile pensare che proprio la moglie abbia posato come modella per le sue pitture. Alla scomparsa della compagna seguono i giorni di maggiore sconforto per Francesco Cozza che invogliato dai suoi amici pittori Pietro del Pò e Carlo Cesi, per come scritto da qualche suo biografo, intraprende un viaggio nel settentrione "per distrarsi dal dolore". Il viaggio avrebbe anche messo il Cozza in condizione d'aggiornarsi sulle più importanti decorazioni esistenti nelle città visitate. Diviene Sindaco dell'Accademia di San Luca nel 1664 e poi Deputato per gli infermi nel 1669 e ancora è Deputato alla questua dai 1671 al 1770. È presente nella Congregazione fino al 1681. Per non continuare la vita privata in solitudine sposa Cecilia Bernardi di Roma a cui dedica, successivamente, un nobile ritratto, come citano le fonti. L'ultimo ventennio della vita del pittore si arricchisce sempre di più di elementi nuovi o fino ad allora poco sviluppati, non solo di ordine tipologico ma anche stilistico. L'idea compositiva del pittore si perfezionava quasi sempre partendo dal bozzetto, soprattutto quando era chiamato a realizzare grandi composizioni su superfici da affrescare. Talvolta sperimentava sul bozzetto persino i colori che doveva usare poi sul lavoro conclusivo, per verificare l'effetto cromatico. L'uso appropriato dei colori è infatti l'elemento essenziale che si coglie nelle opere dell'età matura del Cozza. Le esperienze ultime del Cozza sono improntate quasi tutte a questo stile, sia quando crea rappresentazioni a sfondo religioso sia nell'elaborazione di formule allegoriche. È la grande capacità e sapienza di utilizzare la luce, a caratterizzare e qualificare i dipinti dell'ultimo decennio di Francesco Cozza. Agli inizi del 1682 il cattivo stato di salute di Francesco Cozza, già precario fin da quando gli era morta la prima moglie Francesca Faggioli, si accentua particolarmente tanto che il pittore sentendo l'insidia della morte, il nove gennaio si decide a chiamare presso la sua abitazione, al Monte d'oro nella parrocchia di San Lorenzo in Lucina, il notaio "della Camera" Angelucci per dettargli le sue ultime volontà, fare testamento di tutti i suoi beni, fare "diversi legati" e nominare gli eredi. Francesco Cozza muore appena due giorni dopo e, grazie all'intervento degli Accademici di San Luca che trasportano di notte il suo corpo dalla parrocchia dove abitava, viene seppellito nella Chiesa dei Padri di S. Agostino di Roma, accanto alle spoglie dell'amata Francesca Faggioli, soddisfando così una sua precisa volontà testamentaria. Se c'è un aspetto dell'arte del Cozza che finora non è emerso del tutto è la vastità della sua opera.
Forse anche per questo la critica moderna va ponendo in sempre maggiore luce la figura di Francesco Cozza, che è da considerare su un piano di eccellenza artistica per nulla inferiore a quella di artisti più rinomati.
   

Fonte comunale   
Area tematica  -  Monastero greco ortodosso - Bivongi 

Calabria storica    Letterati calabresi   Itinerari religiosi    Gente di Calabria Turismo, Località con link, Pro Loco, Usi e costumi, Gente di Calabria, Artigianato, kaulonia


Kaulon, non è collegata ai siti recensiti e non è responsabile del loro contenuto.
| Informazioni


ASMEDIA Coop. arl  © 2000