Succo di bergamotto per abbassare il colesterolo ed i trigliceridi

Kaulon, la città.

Il portale della Calabria
Gruppo Rete Unica srl
Canali principali
 Home
 Località di Calabria
Magna Grecia
Luoghi e tradizioni
Servizi al cittadino
 Chat
Bellezze da scoprire
Informazioni
Criseos, trova
Tuttifrutti
Chi siamo
Tipico
 Turismo
 Mare
 Montagna
 Folklore
 Archeologia
 Città d'arte
Province calabresi
 Artigianato e prodotti
 Usi e costumi
 Gente di Calabria Pro Loco
 Cucina
 Flora e fauna
 Parchi
Servizi on line


Il gruppo su internet


ASMEDIA

 

 
 
  Contacts : Info |

La Calabria è patrimonio archeologico unico
I segni visibili di una storia millenaria, un viaggio affascinante alle origini della civiltà mediterranea.

La città - Kaulonia - Cenni storici - Il Tempio - Il nostro museo - Le politiche - Archeologia - Pitagora - Talete


La città: Guida turistica  
 

L'antica Kaulon è compresa nell'area di Punta Stilo a Monasterace, affacciata sul Mare Jonio, in Calabria, Italia. I primi veri rinvenimenti della nostra civiltà risalgono al 1890, per merito di Paolo Orsi, che rinvenne in prossimità della spiaggia di Monasterace Marina, i resti monumentali di un grande tempio dorico.

L'insediamento è di origine greca, avvenuta nel VII Sec AC. La tradizione vuole che la città sia stata fondata da Kaulon (da cui il nome), figlio della amazzone Clete,  al tempo della guerra di Troia. Kaulon come centro urbano, si espandeva, nell'attuale territorio di Monasterace Marina, dal promontorio Cocinto che oggi ospita il faro a cui alla base si trova il Tempio dorico ed il porto oramai sommerso dalle acque dello Jonio, fino ai colli del Tarsinale e contrada Lambrosi.

Il tutto era circondato da una cinta muraria con 12 torri, ritrovata da Paolo Orsi. La cinta muraria variava dai 2 ai 5 metri, a secondo il grado di pericolosità di incursione. Delle torri, non rimane ad oggi nulla, poiché in epoche successive alla distruzione da parte dei  campani nel 277 a C., il materiale è stato usato per altri edifici, tra cui la Cattolica a Stilo. 

I quartieri erano quello di Cocinto, Passoliera, Piazzetta, Neapolis Settentrionale e Meridionale, per una superficie di circa 50 ettari e 3.000 metri di perimetro. 

Rocchi di colonne rinvenute nel fondo marino antistante il Tempio dorico, custodite nel Museo di Monasterace.
Scavi effettuati nella estate 1999.

Una perplessità è legata alla domanda (a cui sono state date diverse risposte ma discordanti) sul perchè i recenti  testi della sovrintendenza alle belle arti della Calabria chiamano quella che è sempre stata KAULON, KAULONIA. La maggioranza degli archeologi ha risposto che Kaulonia è la forma di espressione linguistica greca più appropriata! - Quindi poiché dello stesso ceppo linguistico, mi domando a quando Kroton cambierà in Krotonia?         Ulteriori info su www.kaulonia.it

 
 

 
 
    

Kaulon, non è collegata ai siti recensiti e non è responsabile del loro contenuto.

| Informazioni
ASMEDIA P Coop. arl
 © 2000