METAUROS, Kaulon

 

 

Il portale della Calabria  PATRIMONIO ARCHEOLOGICO CALABRESE
P: Asmedia 2000-2009 C
Canali principali
 Home
 Località di Calabria
Magna Grecia
Luoghi e tradizioni
Servizi al cittadino
 Chat
Bellezze da scoprire
Informazioni
Criseos, trova
Tuttifrutti
Chi siamo
Tipico
 Turismo
 Mare
 Montagna
 Folklore
 Archeologia
 Città d'arte
Province calabresi
 Artigianato e prodotti
 Usi e costumi
 Gente di Calabria Pro Loco
 Cucina
 Flora e fauna
 Parchi
Servizi on line
Il gruppo su internet

ASMEDIA

 
 
  Contacts : Info |  
La Calabria è patrimonio archeologico: METAUROS
I segni visibili di una storia millenaria, un viaggio affascinante alle origini della civiltà mediterranea.

Le altre città e località:

    Casignana   Hipponion Kaulon   Krimisa   Kroton   Lakroi   Laos Lagaria Marina di Gioiosa Jonica  Medma Metauros     Petelia  Phrourion  Rhegion  Skylletion  Sybaris  Temesa

 


 
METAUROS, Gioia Tauro

L’antica Metauros (o Matauros: sono attestate entrambe le forme del nome), attuale Gioia Tauro , è uno dei centri greci minori lungo le coste tirreniche: fondata dal Calcidesi di Zancle (attuale Messina) e poi probabilmente passata nell'orbita di Locri e della vicina Medma, Matauros decadde e scomparve prima della conquista romana.
Le testimonianze archeologiche di Matauros riguardano la necropoli arcaica in contrada Pietra (VII e VI sec a.C.) che ha fornito molti dati sui commerci e sulla cultura di questa città.

Tra i corredi funerari più antichi (prima metà del VII sec. a.C.), alcuni mostrano vasi e altri oggetti tipici delle culture indigene associati con materiali greci: nel nuovo centro fondato dai greci vivevano anche alcuni indigeni che per qualche tempo mantennero usi e tradizioni della propria cultura originaria.

La maggior parte delle sepolture sono a incinerazione: i resti del rogo erano spesso raccolti in grandi vasi destinati in origine alla cottura dei cibi, e in alcuni casi erano deposti in grandi anfore importate da vari centri della Grecia (Corinto, Atene, Samo, Chio, Sparta, ecc.) o da altre aree del mediterraneo (Etruria e centri fenici o punici) come contenitori di vini o olii pregiati: Lo studio di queste anfore fornisce notizie molto importanti sui commerci marittimi nel Tirreno nel VII e VI sec. a.C..

In molti corredi funerari sono presenti vasi figurati importati da Corinto, dalla Grecia dell'Est i Rodi, Samo, ecc. ecc.), dall’Attica. Altri vasi del VII sec. a.C. mostrano chiari rapporti con la città-madre Zancle (Messina): varie tombe ad inumazione e ad incinerazione della seconda metà del VI sec. a.C. contenevano vasi a figure nere, detti "calcidesi", molto probabilmente prodotti nella vicina Reggio, i quali rappresentano le più notevole produzione di vasi figurati arcaici in Magna Grecia. I vasi calcidesi rinvenuti a Metauros comprendono importanti rappresentazioni mitiche come l'accecamento di Polifemo e la caccia al cinghiale di Calidone.

   
www.kaulon.com

 

 
   

Gioia Tauro

Guida turistica
    

Kaulon, non è collegata ai siti recensiti e non è responsabile del loro contenuto.
Informazioni

ASMEDIA P Coop. arl
 © 2000 - 2009
archeo, archeologia, archeologico, della storia archeologica, con archeologia,ed archeologi, su  archeologici, per l'archeologia, archeologo, e archeologici, scavi, scavi e resti, torri e colonne, anfiteatro e necropoli, scavi e città antiche, ancient story, historyc ancient, scavi.