Phrourion, Kaulon

 

 

Il portale della Calabria  PATRIMONIO ARCHEOLOGICO CALABRESE
P: Asmedia 2000-2009  
Canali principali
 Home
 Località di Calabria
Magna Grecia
Luoghi e tradizioni
Servizi al cittadino
 Chat
Bellezze da scoprire
Informazioni
Criseos, trova
Tuttifrutti
Chi siamo
Tipico
 Turismo
 Mare
 Montagna
 Folklore
 Archeologia
 Città d'arte
Province calabresi
 Artigianato e prodotti
 Usi e costumi
 Gente di Calabria Pro Loco
 Cucina
 Flora e fauna
 Parchi
Servizi on line
Il gruppo su internet
 
 
  Contacts : Info |
La Calabria è patrimonio archeologico: PHROURION
I segni visibili di una storia millenaria, un viaggio affascinante alle origini della civiltà mediterranea.

Le altre città e località:

    Casignana  Hipponion  Kaulon  Krimisa  Kroton  Lakroi  Laos  Lagaria  Marina di Gioiosa Jonica  Medma  Metauros     Petelia  Phrourion  Rhegion  Skylletion  Sybaris  Temesa

 


 
   
PHROURION, Isola CapoRizzuto


Sorta in posizione molto suggestiva a ridosso e sotto l'attuale castello di Isola Capo Rizzuto che occupa un'isoletta collegata alla terraferma da una sottile striscia di terra, probabilmente artificiale: è uno dei posti più affascinanti della Calabria, dove antropizzazione e natura trovano un perfetto equilibrio.

Le ipotesi che vogliono collocare qui i famosi Castra Hannibalis, riportati anche sulla Tabula Peuntingeriana, sono prive di fondamento: la testimonianza di Plinio è molto chiara in proposito, situando il porto in questione nel punto più stretto d'Italia, la zona cioè di Skylletion/Scolacium. Nel Quattrocento il posto era noto col nome «Castelli a mare», «Torre della Castella» e, alla fine del Cinquecento, «Torre di Annibale» o «Mura di Annibale». Un precedente edificio del XIII° secolo fu ristrutturato dagli Aragonesi con la costruzione della torre cilindrica, ma l'aspetto attuale si deve all'impianto del 1521; l'edificio ebbe però vita breve: già nel 1536 fu distrutto dal corsaro algerino Khair-ad-din, detto il Barbarossa.

È stata una mareggiata a scoprire casualmente, sotto le fondazioni del castello sul lato est, un grande muro della lunghezza di circa 40 m la cui tecnica di costruzione, con blocchi di calcare e piccoli riquadri in pietra disposti a scacchiera, ricorda molto da vicino quella utilizzata in un muro ellenistico di Velia: la sua datazione oscilla tra la seconda metà del IV° e gli inizi del III° a.C.
S'ignora, per il momento, se il muro debba riferirsi a uno sbarramento frangiflutti, a una vera e propria cinta muraria o piuttosto a un phrourion, ovvero posto fortificato, per la protezione di uno scalo naturale.

Al Museo Nazionale di Crotone si conservano alcuni reperti ceramici dell'età del Bronzo provenienti da questa area.

   
www.kaulon.com

Guida turistica

ISOLA CAPO RIZZUTO archeologica
 
   
    

Kaulon, non è collegata ai siti recensiti e non è responsabile del loro contenuto.
Informazioni

ASMEDIA P Coop. arl
 © 2000 - 2009
archeo, archeologia, archeologico, della storia archeologica, con archeologia,ed archeologi, su  archeologici, per l'archeologia, archeologo, e archeologici, scavi, scavi e resti, torri e colonne, anfiteatro e necropoli, scavi e città antiche, ancient story, historyc ancient, scavi.