RHEGION, Kaulon

 

 

Il portale della Calabria  PATRIMONIO ARCHEOLOGICO CALABRESE
P: Asmedia 2000-2009 C
Canali principali
 Home
 Localitą di Calabria
Magna Grecia
Luoghi e tradizioni
Servizi al cittadino
 Chat
Bellezze da scoprire
Informazioni
Criseos, trova
Tuttifrutti
Chi siamo
Tipico
 Turismo
 Mare
 Montagna
 Folklore
 Archeologia
 Cittą d'arte
Province calabresi
 Artigianato e prodotti
 Usi e costumi
 Gente di Calabria Pro Loco
 Cucina
 Flora e fauna
 Parchi
Servizi on line
Il gruppo su internet
 

 
  Contacts : Info |
La Calabria č patrimonio archeologico: RHEGION
I segni visibili di una storia millenaria, un viaggio affascinante alle origini della civiltą mediterranea.

Le altre cittą e localitą:

Casignana -  Hipponion - Kaulon -  Krimisa -  Kroton -   Lakroi -   Laos - Lagaria - Marina di Gioiosa Jonica  - Medma - Metauros - Petelia - Phrourion - Rhegion - Skylletion - Sybaris - Temesa


 
   
Rhegion, Reggio Calabria.

L'antica Rhegion, odierna reggio Calabria, sorgeva sulla riva destra della fiumara  Apsias, l'attuale Calcopinace. L'estensione della città moderna coincide con l'area dell'abitato greco, lo dimostra il fatto che ritrovamenti sono stati rinvenuti ovunque in tutto il comune.

Fu fondata ai tempi della guerra messenica nel 730 a.C. in una posizione strategica che, assieme alla città di Zancle, odierna Messina, doveva assicurare il controllo dello stretto, un passaggio obbligato nelle principali rotte commerciali del Mediterraneo antico.

Colonia d'origine calcidese, la città, tra il VI e il V a.C., estendendosi su una superficie di 70 ettari, arrivò a contare 15 000 abitanti. La tirannide di Anaxilas realizzò l'unità politica con Zancle e nel V a.C.  Nel 387 a.C. venne distrutta da Dionisio che, come con Kaulon e molte altre cittą conquistate, ne deportò gli abitanti a Siracusa. Dal 270 a.C. Reggio entrò nell'orbita romana, assumendo poi il nome di Rhegium Iulium. 

Poco è oggi rimasto delle strutture della città antica sia per La sovrapposizione della città moderna, e l'azione  dei numerosi eventi tellurici, come quelli ultimi del 1783 e del 1908 hanno cancellato molto della antica cittą. Non sono più visibili il santuario del fondo Griso La boccetta (VI-IV a.C.), i resti di un tempio d'età classica sotto la Prefettura,  alcune cisterne del III a.C.. 

La tristezza e la drammaticitą č che ancora recentemente, nel 1980, nella zona di Reggio Lido, è stata cancellata una ricca sovrapposizione di edifici, dall'età arcaica fino a quella bizantina tra cui un ninfeo romano lungo ben 120 m, per far posto a un nuovo tracciato ferroviario! Uniche tracce visibili, tra il lungomare Matteotti e Corso Vttorio Emanuele II, sono un tratto delle mura, ricostruite forse dopo l'assedio di Dionisio I nel 387 a.C. e i resti di un impianto termale d'età romana del III d.C..

Reggio Calabria, è sede di uno tra i più importanti Musei Nazionali dedicati alla Magna Grecia.
     Moneta dell'antica Rhegion

   
www.kaulon.com

Guida turistica

 
    

Kaulon, non č collegata ai siti recensiti e non č responsabile del loro contenuto.
| Informazioni |

ASMEDIA P Coop. arl
 © 2000 - 200
9
archeo, archeologia, archeologico, della storia archeologica, con archeologia,ed archeologi, su  archeologici, per l'archeologia, archeologo, e archeologici, scavi, scavi e resti, torri e colonne, anfiteatro e necropoli, scavi e cittą antiche, ancient story, historyc ancient, scavi.