TEMESA, Kaulon

 

 

Il portale della Calabria  PATRIMONIO ARCHEOLOGICO CALABRESE
P: Asmedia 2000-2009 C
Canali principali
 Home
 Localitą di Calabria
Magna Grecia
Luoghi e tradizioni
Servizi al cittadino
 Chat
Bellezze da scoprire
Informazioni
Criseos, trova
Tuttifrutti
Chi siamo
Tipico
 Turismo
 Mare
 Montagna
 Folklore
 Archeologia
 Cittą d'arte
Province calabresi
 Artigianato e prodotti
 Usi e costumi
 Gente di Calabria Pro Loco
 Cucina
 Flora e fauna
 Parchi
Servizi on line
Il gruppo su internet
 

 

 
  Contacts : Info  
La Calabria č patrimonio archeologico: Temesa
I segni visibili di una storia millenaria, un viaggio affascinante alle origini della civiltą mediterranea.

Le altre cittą e localitą:

    Casignana  Hipponion  Kaulon  Krimisa  Kroton  Lakroi  Laos  Lagaria  Marina di Gioiosa Jonica  Medma  Metauros     Petelia  Phrourion  Rhegion  Skylletion  Sybaris  Temesa


Temesa, Nocera Terinese.
   

Non e' ancora certa la localizzazione di questo centro. Recenti indagini condotte dalla locale Soprintendenza tendono a identificare l'abitato greco a Piano della Tirrena, alla confluenza dei fiumi Savuto e Grande, in corrispondenza delle tracce dell'abitato ellenistico - romano del 450 a.C. Temesa nota dalle testimonianze letterarie e dalIe monete con legenda Te o Tem. La tabula Peuntingeriana segna questa localitą a  14 miglia a Nord del fiume Tanno, identificato con il Savuto. 

Quello che si č riusciti a ricostruire di questa cittą della Magna Grecia, lo si deve ad alcuni scritti, a delle monete e perchč e' ricordata nella Odissea per le sue miniere di rame. La notizia e' confermata da Strabone che parla dell'esistenza in questa località di un heron di Polites, uno dei compagni di Ulisse; lo stesso parla di una fondazione da parte degli Ausoni. Dalle ricostruzioni storiche, il VI a.C. sembra essere stato caratterizzato da una situazione di controllo politico-commerciale sibarita. Dopo la caduta di Sybaris nel 510 a.C., la città entrò nell'orbita di Kroton, e lo dimostrano le emissioni monetali a doppia legenda. Tra IV e III a.C. è probabile che il centro č sopravvissuto, con il nome di Noukria, nella nuova organizzazione politica brettia. Nel 194 a.C. divenne colonia romana per poi scomparire in età medievale.


Le uniche tracce visibili sul terreno restano, per ora, parte delle mura di cinta di età ellenistica, e i resti di un acquedotto romano. Circa 6 km a sud di Nocera Terinese, in località Pian delle Vigne, nei pressi di Falerna segnaliamo i resti di una villa romana del  I-II d.C.. E' stato messo sinora in luce un settore della parte turistica, impianti per la produzione del vino e dell'olio.

I ritrovamenti di Falerna, in località Pian delle Vigne, non hanno origine greca, per cui in questo caso non si tratterebbe della cittą di Temesa, Falerna č arte romana ed attorno alla villa ritrovata è stato costituito un Parco Archeologico Comunale, con un Antiquarium.

 
   
www.kaulon.com

Guida turistica

 
   
    

Kaulon, non č collegata ai siti recensiti e non č responsabile del loro contenuto.
Informazioni  

ASMEDIA
p Coop. arl  © 2000 - 2009
archeo, archeologia, archeologico, della storia archeologica, con archeologia,ed archeologi, su  archeologici, per l'archeologia, archeologo, e archeologici, scavi, scavi e resti, torri e colonne, anfiteatro e necropoli, scavi e cittą antiche, ancient story, historyc ancient, avi.